Ricicla i regali indesiderati!

Il Natale è appena passato e, nonostante il clima di crisi, sono arrivati, come ogni anno, moltissimi regali. Oltre a quelli (pochi, a dir la verità) davvero graditi, ogni anno si accumulano  dozzine di pensierini o regaloni invece poco graditi, non azzeccati, o che, addirittura, rasentano il trash. Se la vostra zia lontana vi ha regalato una borsa per voi improponibile, oppure il vostro collega vi ha donato un soprammobile che non vi sognereste mai di esporre nella vostra casa, non è detto che li dobbiate buttare – potreste anche ricavarci qualche soldino o, perchè no, contribuire ad una giusta causa.

Gli Italiani, come conferma una recente ricerca, non sono nuovi a questo tipo di ri-uso – più di ogni altro paese europeo, infatti, ricicliamo i regali indesiderati come nuovi, eliminando gli sprechi. Se però siete a corto di parenti ed amici a cui “rifilare” i vostri regali meno azzeccati, o se il riutilizzo “diretto” dei regali è un’idea che non vi piace, ci sono altri metodi per il riciclaggio dei vostri regali – non gettateli via!

La prima soluzione è quella di affidarvi a siti di vendita online come, ad esempio, il famoso Ebay, dove potrete rivendere davvero di tutto, dagli elettrodomestici ai videogiochi, passando per fotocamere digitali, oggetti informatici e così via. Un’altra idea è quella di cercare mercatini dell’usato nella vostra città: se il vostro tempo scarseggia, potrete invece contare sui mercatini di scambio e baratto in versione telematica come Kijiji e Vivastreet.

Credit: HumanaVintage.it

Per quanto riguarda abiti e accessori, invece, ecco un’idea ancora migliore: i charity shop. Questi negozi accettano vestiti, cappotti, giacche, ma anche scarpe, borse ed accessori da rivendere, per poi devolverne l’intero ricavato in beneficienza – un usato di qualità che libera gli armadi, stimola il commercio e, sopratutto, fa del bene al prossimo. L’idea viene dalla Gran Bretagna, dove i charity shop sono a migliaia in tutto il Paese e sono amatissimi sia dalle personi comuni, che riescono a trovare abiti e accessori particolari a prezzi irrisori, sia addirittura dalle star del calibro di Kate Moss e Madonna, che si recano in questi particolari negozi per trovare delle idee uniche con le quali arrichire i loro guardaroba. Ma anche l’Italia si sta avvicinando a questa filosofia: a  Milano, per esempio, segnaliamo Humana Vintage, in via

Credit: The Good Shop COOPI

Cappellari 3, che è specializzato in abbigliamento e accessori vintage; si concentra sul vintage solidale anche il  negozio aperto dall‘associazione Arché in via Ressi 23; infine, fate un salto in zona Paolo Sarpi e visitate il negozio di COOPI, “The Good Shop”, in via Luca Signorelli 1, nel quale si possono scovare, oltre al vintage, anche oggetti firmati a prezzi davvero scontatissimi. Tenete comunque d’occhio i siti delle varie associazioni benefiche della vostra città – questa tipologia di negozio è in crescita (finalmente!) anche nel nostro paese.

 

In ogni caso, cercate di evitare gli sprechi: un regalo non desiderato da voi potrebbe essere un’idea regalo azzeccata per qualcun’altro!

 

Questa voce è stata pubblicata in Moda e Accessori, Tempo libero e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.